Skip to content

HELP Onlus

Lo sponsor fa una donazione per ogni firma raccolta. Firma ora per assegnare il budget!

Riassunto

Recuperiamo immobili abbandonati e co-progettiamo, insieme alle comunità dei territori in cui interveniamo, un loro riutilizzo per fini di utilità sociale

Aiutaci a raccogliere altre firme

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp

Descrizione Progetto

Sogniamo un mondo in cui tutti possano avere una casa. Ma non una qualunque, una casa ecologica frutto del recupero del patrimonio abbandonato.

La crisi climatica non ci lascia molto tempo, dobbiamo agire in fretta per ridurre lo spreco di risorse.

 

PERCHÈ?

In Italia consumiamo 14 ettari di suolo al giorno ma ci sono già circa 7 milioni di edifici vuoti censiti. L'abbandono di concentra nelle aree marginali del paese (tipicamente le aree interne, le zone rurali e le ex aree industriali) che le trasformazioni economiche e sociali del dopoguerra hanno contribuito a spopolare a favore delle aree urbane, sempre più dense e caotiche. 

I circa 5.600 piccoli centri italiani classificati come "a rischio abbandono" svolgono ancora un insostituibile opera di presidio del territorio, un patrimonio culturale, artistico, architettonico e naturale che custodisce la storia del nostro paese (il 70% dei comuni italiani conta meno di 5.000 abitanti ma ospita solo il 17% della popolazione nazionale).

Allo stesso tempo sono quasi 1,8 milioni le famiglie in condizioni di povertà assoluta e circa 50.800 i senzatetto, con una forbice sociale che negli ultimi 20 anni ha continuato ad aprirsi collocando l'Italia al 23° posto su 28 stati europei. L'1% della popolazione più abbiente ha la stessa ricchezza del 70% della popolazione più povera.

Mettendo in relazione questi dati appare evidente come il RECUPERO DI BENI ABBANDONATI possa rappresentare una valida alternativa al consumo di nuove risorse naturali, un'arma di contrasto allo spopolamento delle zone marginali ma anche l'occasione per riequilibrare la forbice sociale e restituire qualcosa alla fetta di popolazione che necessità di beni essenziali. Basterebbe meno del 2% degli edifici vuoti per dare una casa a tutti i senzatetto.

COME?

Recuperiamo immobili abbandonati e co-progettiamo, insieme alle comunità dei territori in cui interveniamo, un loro riutilizzo per fini di utilità sociale.

Questa è la nostra linea d'azione:

1) entriamo in contatto con la comunità locale al fine di individuare peculiarità, bisogni e beni su cui intervenire

2) elaboriamo un progetto preliminare dal punto di vista tecnico e sociale mirando a definire un budget complessivo di progetto

3) raccogliamo i fondi necessari

4) raggiunto il budget, elaboriamo il progetto definitivo e assumiamo tutte le professionalità necessarie

5) realizziamo concretamente l'intervento nella fase di cantiere

6) assegniamo, direttamente o indirettamente, i beni recuperati ai beneficiari selezionati sulla base di criteri individuati in fase preliminare

7) monitoriamo l'andamento dei progetti attraverso ripetute consultazioni con i referenti locali

COSA facciamo in concreto?

Gli edifici vengono ristrutturati in bioedilizia cercando di minimizzare l’impatto ambientale di ogni fase costruttiva e di ottenere una buona efficienza dal punto di vista energetico. In ogni progetto si tenderà ad usare materiali naturali reperibili nel territorio d’intervento e a riciclare/riutilizzare quelli esistenti.

Per quanto riguarda i terreni, si cercherà di proteggerli dalla cementificazione e dall’inquinamento sviluppando progetti di rimboschimento e/o di permacultura, produttiva per l’uomo e rigenerante per l’ambiente.

HELP cura anche l’aspetto sociale dei propri progetti: gli interventi dovranno portare benefici alle comunità locali in termini di opportunità per i giovani, per i soggetti più fragili e per tutte le componenti sociali.

 

Visita il sito: https://help-nonprofit.org

Utilizzo dei fondi

A Tufillo, in Abruzzo, sta nascendo il primo progetto: una piccola casa in pietra, nel cuore del centro storico, sarà recuperata e trasformata in un’abitazione confortevole ed ecologica per soggetti socialmente fragili. 

La casa ha 7 finestre, che devono essere rinforzate e allargate per aumentare l’apporto di luce naturale all’interno, per questo chiediamo il vostro aiuto. 

Insieme possiamo installare 7 nuovi infissi ad alta efficienza e renderla un passo più vicina ad essere ri-abitata! 

Obiettivo campagna

€ 9000

Sponsorizzazione

€ 0

Sponsor

Sponsorizza Progetto

12 persone hanno già firmato!

Firma e ci aiuterai a trovare nuovi sponsor!

Firmando accetti le nostre Condizioni di utilizzo

00
Giorni
00
Ore
00
Minuti
00
Secondi

Altri Progetti

Associazione Dalia

Associazione Dalia

Torino
Firme raccolte: 31
Il nostro operato nasce dalla volontà di far conoscere e ricordare la storia di Dalia ed il suo sorriso attraverso attività e progetti che mirano al sostegno di giovani ragazze
A.M.E.C.E.

A.M.E.C.E.

Torino
Firme raccolte: 60
L'Associazione A.M.E.C.E. è associazione attiva dal 2000 a Torino, rivolta a comprendere e soddisfare i bisogni dai bambini fino ai giovani adulti, di origine italiana e straniera
Centro Studi Giorgio Colli

Centro Studi Giorgio Colli

Torino
Firme raccolte: 106
L’Associazione ha l'obbiettivo principale di incentivare uno studio storico della figura di Giorgio Colli e un’interpretazione delle sue opere.